giovedì 2 luglio 2015

Aggiornamento Grecia, Tunisia e Marocco

Negli ultimi giorni, la situazione sicurezza in Tunisia a seguito dell'attentato a Sousse e la situazione di rischio default della Grecia, sta portando tanta paura tra coloro che intendono partire per queste destinazioni. Occorre fare un po' di chiarezza al fine di valutare se sia opportuno o meno scegliere queste destinazioni per le vacanze.
GRECIA

Per quanto riguarda il Paese Ellenico, il ministero dell'Economia, delle Infrastrutture, Marina e Turismo ha diramato un comunicato in cui informa coloro che si trovano o sono in procinto di visitare a Grecia, che le misure restrittive alla circolazione dei capitali imposto dal governo greco non riguarda coloro che desiderano effettuare transazioni o prelievi bancomat utilizzando carte di debito o carte di credito emesse all'estero. I carburanti e tutti i prodotti e servizi continuano ad essere regolari e nel Paese si assicura lo svolgimento ordinario del quotidiano nelle città, nelle regioni e sulle isole. a Grecia quindi continua a garantire un elevato livello di qualità dei servizi offerti ai visitatori che l'hanno resa una meta turistica internazionale. 
Il vice ministro del Turismo, Elena Kountoura, come membro del governo ellenico afferma che «il turismo greco rimane alto nelle preferenze dei nostri visitatori. I nostri turisti che sono già qui e quelli che stanno progettando di venire, non saranno intralciati dai possibili eventi, potranno continuare a godersi una splendida vacanza in Grecia, senza alcun problema».
Invitiamo a fare attenzione a tutti coloro che sono in partenza o che intendono prenotare vacanze per la Grecia siccome sulle isole, scarseggiano farmaci e addirittura carne
La crisi di liquidità può mettere a rischio gli approvvigionamenti a negozi, supermercati e soprattutto farmacie: si è già verificato qualche episodio di accaparramento di beni di prima necessità. Meglio quindi mettere in valigia tutte le medicine necessarie, per evitare di trovarsi senza farmaci indispensabili. Attenzione anche alla situazione degli ospedali pubblici, dove in alcuni casi iniziano a scarseggiare siringhe, garze e altro materiale medico. È consigliabile avere con sé una polizza di assicurazione privata che copra tutte le spese in caso di malattia e infortunio, oltre che l'eventuale rimpatrio o trasferimento aereo in un altro Paese.


TUNISIA


Il governo di Tunisi è subito corso ai ripari per supportare il turismo del Paese, settore che tra l'altro ha molta importanza all'interno dell'economia di questo Stato. Il ministro del Turismo tunisino Slam al Laouami ha annunciato in una conferenza stampa con i media locali ed esteri, importanti misure eccezionali a sostegno del turismo. Alcune di queste misure riguardano il turista, altre invece i tour operator che operano nel Paese, tra queste le più importanti e significative sono:
- Annullamento dell'obbligo del bollo di 15 euro sul passaporto imposto agli stranieri in uscita dal Paese;
- Riduzione dell'IVA del settore turistico dal 12% all'8%
-Riduzione del 30% sulle tariffe di viaggi aerei e marittimi per i tunisini residenti all'estero per incoraggiarli a trascorrere le proprie vacanze in Tunisia:
- Oneri previdenziali a cario dello Stato per i dipendenti degli operatori turistici
- Cassa integrazione per i dipendenti in disoccupazione involontaria a causa della chiusura degli hotels presso i quali lavoravano
Oltre a questi 5 punti, il Governo tunisino ha annunciato che vi sarà: l'aumento della sorveglianza armata intorno a tutti gli alberghi e lungo tutte le coste, la chiusura di moschee illegali ed estremiste, la chiusura militarizzata delle zone montane da dove potrebbero infiltrarsi terroristi 



MAROCCO


Le autorità marocchine hanno sospeso l’accettazione della carta d’identità come documento valido per l’ingresso in Marocco per chi fa parte di gruppi turistici di oltre otto persone. Tutti i passeggeri, sia individuali che di gruppo, devono essere muniti di passaporto in corso di validità per poter entrare nel Paese.

Nessun commento:

Posta un commento