giovedì 11 giugno 2015

La bellezza di Marsa Matrouh a due passi da Alessandria D'Egitto e Il Cairo

Quando si pensa ad Egitto e mare vengono in mente le ormai conosciutissime località di Sharm el Sheikh, Marsa Alam ed Hurghada sul Mar Rosso commercializzate dai principali tour operator con molta facilità. Chi sceglie però una di queste località, con molta difficoltà può raggiungere le Piramidi, la Sfinge, i musei egizi presenti nella parte settentrionale del Paese. E allora come fare per organizzare una vacanza che accanto al divertimento ed al mare metta anche la cultura classica egizia? La risposta a questa domanda si chiama Marsa Matrouh

Marsa Matrouh è una rinomata località turistica balneare essenzialmente per gli egiziani, a partire dal 2005 ha conosciuto un vero e proprio boom internazionale, sopratutto da parte degli italiani. Sono sorti infatti nuovi villaggi di proprietà egiziana ma a gestione italiana, affidata a importanti tour operator come Alpitour, Veraclub, Going ed Eden Viaggi, le cui strutture si trovano nella baia di Almaza, che in arabo significa "perla". A Marsa Matrohu non è però presente la barriera corallina per cui non si trovano i colorati pesi presenti invece nelle località del Mar Rosso. La temperatura è più piacevole rispetto a quella dell'Egitto meridionale; a Marsa Matrohu non ci sono infatti le calde temperature insopportabili del Mar Rosso da luglio a settembre ed anche la temperatura del Mar Mediterraneo è più piacevole. 

Se da un lato ci si priva della barriera corallina, dall'altro però si prende in considerazione che in un paio di ore si possono raggiungere la città di Alessandria d'Egitto con le catacombe di Komash'Shuqqafa e la Colonna di Pompeo, la città di El Alamein per visitare il Sacrario Militare Italiano, il Sacrario Tedesco ed il Museo locale della Seconda Guerra Mondiale, oltre alla visita alla città più grande dell'Africa: Il Cairo dov'è possibile vedere le tre Piramidi (considerate una delle sette meraviglie del mondo), la Sfinge ed il Museo Egizio con la sala del tesoro di Tutankhamon e la sala delle Mummie.

Nessun commento:

Posta un commento